Eventi di vita

0
1464

Due sono gli eventi che scandiscono l’essenza della vita: la nascita e la morte.

Sono due momenti che trasformano inconsciamente un uomo: veder nascere un figlio comporta la consapevole responsabilità educativa nei confronti di una creatura piccola ed indifesa, ma che allo stesso tempo, trasmette una carica energetica devastante, capace di oltrepassare gli ostacoli più duri senza avvertire fatica.

L’ora triste della fine di una vita, svela la fragilità e l’impotenza dell’essere umano dinanzi alla morte, mettendo a nudo i dubbi, le capacità e gli interrogativi di un’esistenza senza la persona cara.

Questi due estremi avvenimenti contengono sensazioni ed emozioni diametralmente opposti, eppure hanno un minimo comune denominatore: favoriscono la crescita e la maturità del protagonista, decretando il passaggio di testimone dall’essere figlio a diventare padre.

Essere figlio “giusto” vuol dire ereditare i principi ed i valori del padre, personalizzarli ed arricchirli attraverso la scoperta di nuovi orizzonti e nuovi mondi, diventando così un figlio nuovo.

Il padre “giusto” è colui che trasmettendo i sani valori e i pregnanti esempi, sa lasciare andare il figlio all’esperienze che dovrà provare.

Tra l’inizio e la fine c’è la VITA!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!