Monopattini a ostacoli

0
621

Dall’avvento dei social network c’è l’usanza di fare annunci in pompa magna e, soprattutto, capovolgere l’effetto che un provvedimento può generare.

Partirò dalla conclusione per arrivare all’inizio. Questa illustre dote è riservata ai grandi filosofi come Socrate ma di certo non può essere applicata a un assessore che ha il compito di confrontarsi con la giunta e i cittadini per cercare democraticamente una soluzione ai bisogni della città.

Mi riferisco al roboante annuncio di un fantomatico accordo tra il comune e una ditta privata per la fornitura di 100 monopattini per la mobilità cittadina. Tralasciando l’affitto di €12 all’ora per girare in monopattino, desidero soffermarmi su un altro elemento.

I punti cardini dell’accordo (impatto ambientale e sostenibilità) sono condivisibili ma rappresentano l’effetto di un provvedimento carente dei pilastri su cui poggiano le misure da adottare. A nessuno è pervenuto il rischio che l’uso di questi mezzi possa comportare quando ci muove su strade prive di pista ciclabile. Ancor più, nessuno si è interrogato sulla sicurezza dei velocipedi sul manto stradale divelto e sul basolato sconnesso e, di male in peggio, nessuno ha previsto di integrare una segnaletica stradale dedicata a questi mezzi di trasporto.

Ecco i primi problemi da risolvere per tutti i veicoli sostenibili e non, al fine di poter finalmente godere degli effetti tanto decantati e sperati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!